Sito corporate
AMBROSETTI
Aggiornamento
PERMANENTE
Leader del
FUTURO
Home » Ricerche » Ricerche Club » La fine del Quantitative Easing in Europa e impatti sull’Italia
Lunedì, 23 Luglio 2018
Notice
  • In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la società The European House - Ambrosetti S.p.A titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.

    Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.

La fine del Quantitative Easing in Europa e impatti sull’Italia

L’azione della BCE in questi anni è stata lunga, profonda e incisiva, ma è ora in procinto di allentarsi. Se e quanto la fine del Quantitative Easing impatterà sulla sostenibilità del debito pubblico italiano? Quali i fattori di rischio a cui è sottoposta la finanza pubblica italiana e, quindi, l’economia italiana, con conseguenti impatti su cittadini e imprese?
La ricerca si è avvalsa del prezioso contributo dei membri del Club e, in veste di advisor, del Prof. Carlo Cottarelli, già Executive Director del Fondo Monetario Internazionale, oggi Direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani presso l’Università Cattolica del S. Cuore di Milano.




Data di pubblicazione: Aprile 2018