Sito corporate
AMBROSETTI
Aggiornamento
PERMANENTE
Leader del
FUTURO
Home » Incontri » Archivio » Incontri con personaggi di alto livello » Poteri forti (o quasi)
Domenica, 22 Ottobre 2017
Notice
  • In base alla normativa in materia di privacy, la società The European House - Ambrosetti S.p.A., titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell’ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.

Le informazioni su tutti gli incontri sono disponibili ai membri del Club Ambrosetti.
Per maggiori informazioni puoi far riferimento ai seguenti contatti.


martedì, 06 giugno 2017 - MILANO

Poteri forti (o quasi)


“Poteri forti (o quasi)” è il titolo del libro di Ferruccio De Bortoli uscito il 1° maggio, un diario che raccoglie oltre quarant’anni di storia del nostro Paese e del mondo spaziando dall’economia alle vicende politiche degli ultimi decenni, al terrorismo, alla politica internazionale.Scena e retroscena del potere in Italia, dalla finanza alla politica e alle imprese, dai Media alla magistratura: per la prima volta Ferruccio De Bortoli, dal suo osservatorio previlegiato, racconta e si racconta.“I buoni giornalisti, preparati, esperti, non s’inventano su due piedi. Ci vogliono anni. Cronisti attenti che vadano a vedere i fatti con i loro occhi, non fidandosi dell’abbondanza di video, sms, tweet e post su Facebook. Che vivano le emozioni dei protagonisti, le sofferenze degli ultimi, le ragioni degli avversari e persino dei nemici. Che non siano mai sazi di verifiche, ammettano gli errori inevitabilmente frequenti, e conquistino la fiducia dei loro lettori e navigatori ogni giorno, ogni ora. Giornalisti indipendenti, con la schiena dritta, che non cedano alla comoda tentazione del conformismo. Dimostrandosi utili alla società e al loro Paese non facendo mancare verità scomode e sopportando sospetti e insulti di chi non le vorrebbe sentire. È accaduto molte volte. Una classe dirigente responsabile affronta per tempo e al meglio i problemi seri che un giornalismo di qualità solleva. Certo, è scomodo, irritante. Qualche volta apparentemente dannoso. Ma quanti sono i danni di ciò che non abbiamo saputo o non abbiamo voluto vedere. Un buon giornalismo, in qualunque era tecnologica, rende più forte una comunità. Quando tace o deforma, la condanna al declino. Negli ultimi anni in Italia, salvo poche eccezioni, è successo esattamente questo.”.La tavola rotonda sarà un momento per confrontarsi su questi temi con uno dei più brillanti e acuti giornalisti del panorama nazionale ed internazionale nel tradizionale appuntamento del Club che lo vede protagonista.

Immagini

Queste informazioni sono disponibili solo per i membri del servizio.

f

Dove

  • MILANO

Relatori

  • Ferruccio de Bortoli

    Editorialista Corriere della Sera