Sito corporate
AMBROSETTI
Aggiornamento
PERMANENTE
Leader del
FUTURO
Home » Incontri » Archivio » Incontri con personaggi di alto livello » Il naso fuori dal bicchiere
Lunedì, 18 Novembre 2019
Notice
  • In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la società The European House - Ambrosetti S.p.A titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.

    Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.

Le informazioni su tutti gli incontri sono disponibili ai membri del Club Ambrosetti.
Per maggiori informazioni puoi far riferimento ai seguenti contatti.


lunedì, 11 luglio 2016 - MILANO

Il naso fuori dal bicchiere


Angelo Gaja, un uomo il cui carisma non ha bisogno di presentazioni nel mondo del vino, sarà il protagonista dell’ultima riunione Club prima della pausa estiva.

“Il naso fuori dal bicchiere” ovvero la volontà di far conoscere ciò che esiste intorno ad un calice di vino: il lavoro, le persone, le idee, i sacrifici, la terra, la storia. Perché se c'è un “signore” del vino è lui, “Le roi” (il re) come lo chiamano i francesi. Conosciuto in tutto il mondo, contadino ed intellettuale, capace di suscitare dibattiti sui temi del vino e non solo.

Di vino si parla tanto, ma se ne parla anche in modo corretto? Sono due le categorie tra chi parla e scrive di vino: ci sono quelli che mettono il naso nel bicchiere capaci di illustrare tutte le caratteristiche del vino. Poi ci sono quelli che il naso lo mettono anche fuori, che raccontano un vino. E se il “dentro” è importante, il “fuori” (il territorio da cui nasce un vino, la storia di un produttore, l'andamento dei mercati) lo è almeno altrettanto.

Oggi il brand Gaja significa 92 ettari di proprietà condotti nel pieno rispetto della natura, per una produzione di circa 350.000 bottiglie annue. Bottiglie preziose, che rispecchiano perfettamente la personalità di Angelo, o meglio il suo modo di intendere il vino. Per questi, infatti, “l’artigiano deve fare dei vini che prima di tutto piacciano a egli stesso, deve saper rispettare la tradizione senza avere paura di essere al passo con i tempi e deve poi saperli raccontare”.

Gaja è oggi un vero mito del mondo del vino, il suo Barbaresco 1985 è stato definito da Wine Spectator “the finest wine ever made in Italy” e lo stesso magazine americano gli ha attribuito nel 1997 il “distinguished Service Award” (quindi l’ingresso nella hall of fame) e l’anno dopo gli inglesi di decanter l’hanno eletto “man of the Year”.

L’incontro sarà un’occasione unica per ascoltare la storia di uno degli imprenditori del nostro Paese più conosciuto all’estero oltre che per degustare i vini prodotti nelle Cantine Gaja.

Documentazione

  • Presentazione di Angelo Gaja

Immagini

Queste informazioni sono disponibili solo per i membri del servizio.

Dove

  • MILANO

Relatori

  • Angelo Gaja

    Presidente Gaja Azienda Agricola