Sito corporate
AMBROSETTI
Aggiornamento
PERMANENTE
Leader del
FUTURO
Home » Incontri » Archivio » Incontri con personaggi di alto livello » 3° Club Governance "La retribuzione del top management: criticità e prospettive"
Lunedì, 22 Ottobre 2018
Notice
  • In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la società The European House - Ambrosetti S.p.A titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.

    Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.

Le informazioni su tutti gli incontri sono disponibili ai membri del Club Ambrosetti.
Per maggiori informazioni puoi far riferimento ai seguenti contatti.


martedì, 02 luglio 2013 - MILANO

3° Club Governance "La retribuzione del top management: criticità e prospettive"


Come attrarre ed orientare un manager o un team di management attraverso la politica dei compensi? Tema cruciale per le performance e la continuità di ogni impresa, sia essa quotata, famigliare o pubblica, è proprio il “quanto” ed il “come” remunerare i propri vertici.

La materia della remunerazione manageriale sta vivendo due evoluzioni marcate – l’incremento esponenziale del compenso e la sua crescente complessità – che ne fanno uno dei temi favoriti dai Media e dall’opinione pubblica. Il compenso totale medio di un capo azienda appartenente al FTSE MIB nel 2012 ha superato i 3 milioni di Euro, mentre le grandi aziende americane o inglesi viaggiano rispettivamente sopra i 12 milioni di Dollari ed i 9 milioni di Sterline. Anche le forme contrattuali stanno velocemente cambiando e, alla dimensione monetaria del fisso e dell’incentivo variabile a breve, si aggiungono altre componenti (strumenti finanziari, entry bonus, patti di non competizione, clausola di change of control, ecc.).

Pratiche che caratterizzano in maggior misura le aziende quotate, ma che attraverso il mercato del management si vanno diffondendo anche nelle aziende famigliari e pubbliche. Quanto vale il confronto con il mercato o con la storia e l’ambizione dell’impresa? Conviene che l’Amministratore Delegato sia anche dirigente? Gli incentivi esigono formule, o consentono uno spazio per la flessibilità? Gli strumenti finanziari sono utili per allineare gli interessi di manager ed azionisti? È preferibile una struttura retributiva che concentri la remunerazione su un soggetto (l’Amministratore Delegato) o una che avvicini il numero uno al team che dirige?

I partecipanti alla riunione riceveranno in omaggio il Report 2013 dell’Osservatorio The European House - Ambrosetti sulle pratiche retributive nelle aziende quotate.

Dove

  • MILANO

Relatori

  • Sandro Catani

    Responsabile Area Corporate Governance & Executive Compensation, The European House - Ambrosetti