Sito corporate
AMBROSETTI
Aggiornamento
PERMANENTE
Leader del
FUTURO
Home » Incontri » Archivio » Incontri con personaggi di alto livello » Brexitania: voto e futuro
Giovedì, 12 Dicembre 2019
Notice
  • In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la società The European House - Ambrosetti S.p.A titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.

    Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa.

Le informazioni su tutti gli incontri sono disponibili ai membri del Club Ambrosetti.
Per maggiori informazioni puoi far riferimento ai seguenti contatti.


lunedì, 16 dicembre 2019 - MILANO

Brexitania: voto e futuro


Il premier britannico Boris Johnson, come sappiamo, ha bucato la ormai famosa deadline fissata al 31 ottobre per Brexit, ma è riuscito a far convocare elezioni anticipate, con la speranza di ottenere una maggioranza più solida da giocarsi nel futuro. E così il Regno Unito andrà alle urne il prossimo 12 dicembre per la seconda volta nel giro di due anni.
 
Si tratta di elezioni importantissime per la Gran Bretagna, ma anche per L’Europa. Secondo BoJo, come viene soprannominato, infatti “Tornando alle urne il 12 dicembre avremmo un nuovo parlamento e un nuovo governo entro Natale e se vincessi le elezioni, potremmo ratificare l’accordo con l’Europa e concludere la Brexit, e il paese potrebbe finalmente andare avanti”.
 
Quale esito dobbiamo aspettarci? E quale soluzione sarebbe più desiderabile? Che Europa ci ritroveremo nel prossimo futuro?
 
In 3 anni, dal lontanissimo 23 giugno del Referendum, è cambiato tutto. E lo sbalorditivo caos anglosassone con la grottesca sagra di Brexit ne è la prova. Ma per chi come noi europei ha sempre visto UK come un grande punto di riferimento, rimane sconcertato: quali insegnamenti ne derivano per il Regno Unito, i Paesi membri e l’Unione Europea?
 
Pochi giorni dopo gli esiti del voto Beppe Severgnini, grande esperto del mondo anglosassone, ci racconterà in una conversazione informale con il consueto acume, il suo punto di vista sulle ripercussioni del voto nei rapporti con l’Europa e il resto del mondo.
 
La tavola rotonda, aperta anche agli accompagnatori, sarà seguita da un cocktail per un brindisi natalizio con gli spumanti Altemasi e altri vini del gruppo Cavit.
 

Dove

  • MILANO

Relatori

  • Beppe Severgnini

    Editorialista e scrittore